A Ginevra debutto della nuova Hyundai IONIQ

Share This
A Ginevra debutto della nuova Hyundai IONIQ
A Ginevra debutto della nuova Hyundai IONIQ

Al Salone di Ginevra 2016 debutto per l’intera gamma della nuova Hyundai Ioniq, la prima auto di serie al mondo che consente di scegliere fra tre differenti motorizzazioni elettriche: ibrida, elettrica e Plug-in.

Jochen Sengpiehl, Vice Presidente Marketing di Hyundai Motor Europe, ha dichiarato: ” Abbiamo inteso realizzare un nuovo, originale prodotto in tema di e-mobility (mobilità elettrica): un’auto senza compromessi in tema di design, piacere di guida e nuove funzioni di connettività, rendendola accessibile a tutti”.
Sia la IONIQ ibrida (caratterizzata dalla griglia esagonale frontale, cerchi da 15” e 17” con fari Bi-xeno abbinati a luci diurne a LED verticali) che la IONIQ Plug-in (che dispone anche dei fari anabbaglianti con LED e cerchi da 16”) sono equipaggiate con il nuovo propulsore “Kappa”, un 1.6 benzina GDI 4 cilindri ad iniezione diretta che vanta un rendimento termico al vertice della categoria (40%): è in grado di erogare 105 CV e 147 Nm di coppia massima.

Si tratta di un motore appositamente sviluppato per abbinarsi alla propulsione ibrida, collegato ad un inedito cambio a sei rapporti a doppia frizione (DCT).
Il motore elettrico addizionale permette anche una guida 100% elettrica. Significative, sottolinea la casa, in tema di piacere di guida, la coppia istantaneamente disponibile e l’adozione delle sospensioni posteriori multi-link, che incidono positivamente su maneggevolezza e tenuta di strada. Esteticamente, si riconoscono per gli inserti di colore blu elettrico – esterni ed interni (prese d’aria, console centrale, etc): la IONIQ plug-in dispone anche del “tappo” che cela la presa per la ricarica, inserito nel parafango anteriore sinistro.
Il motore elettrico della IONIQ in versione ibrida eroga 32 kW (43,5 CV) con una coppia massima di ben 170 Nm, alimentato da una batteria con polimeri agli ioni di litio dalla capacità di 1,56 kWh – posizionata sotto i sedili posteriori: ottimizza il proprio contributo al propulsore durante la marcia, rigenerando rapidamente la carica necessaria. In combinazione con il motore 1.6 GDI, la IONIQ ibrida eroga una potenza massima di 103,6 kW (141 CV) e fino a 265 Nm di coppia massima, in grado di spingerla ad una velocità massima di 185 km/h (120 km/h in modalità solo elettrica). Emissioni di CO2 previste a partire da 79 g/km (ciclo combinato).
La IONIQ plug-in consente di percorrere oltre 50 chilometri (stimati) di guida 100% elettrica, grazie alla potente batteria di 8,9 kWh con polimeri agli ioni di litio. I 45kW (61 CV) del motore elettrico, sommati alla brillantezza del 4 cilindri 1.6 GDI che equipaggia la IONIQ plug-in, permettono all’auto di raggiungere una potenza massima di 103,6 kW (141 CV), con emissioni di CO2 contenute in 32 g/km.
La versione elettrica della IONIQ è dotata di una batteria con polimeri agli ioni di litio da 28 kWh, per un’autonomia massima stimata di oltre 250 km.
Disponibile istantaneamente, la coppia massima di 295 Nm viene erogata dal motore elettrico, dalla potenza massima di 88 kW (120 CV): attraverso una trasmissione diretta (si può scegliere fra le modalità “Sport”, “Normal” ed “Eco”), può spingere la vettura fino a 165 km/h. C’è anche maggiore spazio per i passeggeri anteriori grazie all’assenza di alcuni tradizionali elementi della trasmissione (il motore anteriore è direttamente collegato all’asse). Dispone altresì anche di un freno di stazionamento elettronico (EPB) e, tramite la modalità “ricarica veloce”, bastano solo 24 minuti per ottenere l’80% di carica delle batterie.

Leggi anche:

Ginevra. C’è il prototipo Clarity Fuel Cell

Lexus a Ginevra presenta la coupè Luxury LC 500h ibrida

Skoda a Ginevra, tra Visions, il Suv plug-in hybrid e il metano di Octavia RS 4X4

Up!, anteprima mondiale al Salone di Ginevra. Anche a metano o elettrica

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

- Advertisement -