6 e 7 novembre, Rimini, Stati Generali della Green Economy

Share This
6 e 7 novembre, Rimini, Stati Generali della Green Economy
6 e 7 novembre, Rimini, Stati Generali della Green Economy

Il 6 e 7 novembre si svolgono gli Stati Generali della Green Economy 2013, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 66 organizzazioni di imprese green (con migliaia di aziende al loro interno), in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile nell’ambito delle manifestazioni Ecomondo, Key Energy e Cooperambiente.
Durante i lavori vengono presentate 10 misure prioritarie individuate dal Consiglio Nazionale della Green Economy per permettere all’Italia di uscire dalla crisi economica, ecologica e occupazionale. Le misure sono contenute nel ‘Pacchetto di misure per un Green New Deal per l’Italia’, estrapolate dalle 79 proposte della Roadmap per la green economy in Italia, frutto di due anni di lavoro.

Come ha operato il Consiglio Nazionale della Green Economy? Sono stati costituiti 10 Gruppi di Lavoro (più di 500 esperti) nei settori della green economy considerati strategici. Ogni Gruppo di lavoro ha prodotto una bozza di documento programmatico che è stato discusso nel corso dell’Assemblea Programmatica da rappresentanti delle Imprese, Organizzazioni e Associazioni no profit, Istituzioni, Università e Istituti di ricerca, Sindacati e Partiti e Cittadini interessati. Ognuno è stato libero di proporre soluzioni alternative, commentare il documento, fornire spunti su cui riflettere. Nelle 10 Assemblee Nazionali Programmatiche sono stati consultati oltre 2.570 stakeholder. Sulla base delle suggestioni emerse, sono stati realizzati 10 Documenti Programmatici, 10 punti di partenza per una ‘Roadmap per la Green Economy in Italia’. L’obiettivo è stato, dunque, raggiunto: il Consiglio ha approvato 79 proposte. Da queste ha selezionato, appunto, 10 priorità, le più urgenti da mettere in pratica subito per iniziare il percorso di lavoro che condurrà a un piano strategico di rinascita per l’Italia incentrato sulla green economy.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

- Advertisement -